I record nel mirino di Djokovic

Soltanto cinque anni fa era impensabile. Il duopolio formato da Federer e Nadal che ha appassionato milioni di tifosi non solo ha abdicato nel presente ma potrebbe clamorosamente rinunciare al trono nella storia. Il marziano Djokovic sta divorando record e ciò che abbiamo visto finora sembra essere l’inizio di un’era di dominio assoluto che nel 2015 ha piantato le sue solidissime fondamenta.

Djokovic spaccata3Diamo un’occhiata ai numeri del presente e a quelli (possibili) di un prossimo futuro che incoronerebbero il serbo come il migliore della storia in questo sport:

OGGI

1- Come la posizione nel ranking ricoperta per l’intero anno 2015.

2- I Wimbledon consecutivi conquistati, un’impresa raggiunta battendo in entrambe le finale Re Federer.

3- I trofei Slam dominati quest’anno battendo in finale Murray e Federer due volte. Per dire che gli avversari sono di assoluto livello ma lui ora è di un altro pianeta.

4- Gli anni conclusi al n° 1, davanti a lui soltanto Sampras (6), Federer e Connors (5).

5- Gli Australian Open e le ATP World Tour Finals vinte finora. In entrambi i tornei potrebbe arrivare a comandare in solitaria. Gliene basterebbero due in entrambi i casi.

6- I master 1000 conquistati nel 2015, record assoluto per una sola stagione.

10- Gli Slam conquistati complessivamente, il bottino appare destinato a salire.

44- I match disputati in carriera contro Roger Federer. Il bilancio è di 22 vittorie ciascuno (16-9 Djokovic nell’ultimo lustro).

46- I match disputati in carriera contro Rafa Nadal, maggior rivalità nella storia del tennis ATP. Bilancio complessivo 23-23, 4-0 nel 2015 e 16-7 per il serbo negli ultimi cinque anni.

73- Le settimane consecutive in vetta al ranking (record in corso).

82- Le partite vinte nell’anno solare 2015.

82,45- Percentuale match vinti in carriera, dietro soltanto a Nadal e Borg.

93,18- Percentuale match vinti nel 2015.

146- I match persi in carriera.

174- Settimane in testa al ranking ATP, quinta posizione per il serbo.

686- I match vinti in carriera.

7915- punti di distacco dal secondo in classifica Andy Murray, record nella storia ATP.

16585 punti in classifica, punteggio mai raggiunto prima da nessun altro.

21.592.125 i dollari di prize money soltanto nel 2015, ovviamente anche questo record assoluto.

94.050.053 prize money in dollari, secondo soltanto dietro al Maestro Federer ormai nel mirino.

MELBOURNE, AUSTRALIA - JANUARY 16: Novak Djokovic of Serbia celebrates defeating Ryan Harrison of USA in his second round match during day three of the 2013 Australian Open at Melbourne Park on January 16, 2013 in Melbourne, Australia. (Photo by Julian Finney/Getty Images)

DOMANI

Con queste premesse Djokovic ci costringe a dare uno sguardo a ciò che potrebbe accadere da qui ai prossimi tre anni dove avrà la possibilità (per ora teorica e a breve scopriremo se anche pratica) di attaccare tutti i maggiori record in attività. Gli obiettivi per il serbo saranno gli stessi del 2015, vincere sempre e comunque partendo da favorito in qualsiasi continente, ma alcuni tornei conteranno più di altri perché consegnerebbero il serbo alla storia per direttissima. In ordine di possibile realizzazione tutti gli obiettivi:

Career Grand Slam

Il 5 Giugno 2016 sui campi del Bois de Boulogne si disputerà la finale del Roland Garros e Novak andrà di nuovo all’assalto di quello che sembra il titolo più stregato per lui, quest’anno sfuggitogli sorprendentemente dopo aver battuto il re della terra Nadal ai quarti e un ottimo Murray dopo 5 combattuti set in semifinale. Lo stop è arrivato da un Wawrinka in versione “Stanimal”, ma Novak, a meno di una poco probabile resurrezione dello spagnolo, partirà come favorito per la vittoria. possibilità 60%

Career Master 1000

Dei 9 Master 1000 manca la vittoria soltanto sul velocissimo cemento di Cincinnati, 5 volte in finale di cui 4 battuto da un immortale Federer che il prossimo anno compirà 35 anni. A meno di imprevedibili accadimenti l’obiettivo di diventare il primo tennista a trionfare in tutti i tornei da mille punti è a portata di mano sia nel 2016 che nel 2017. possibilità 80%

Grand Slam

Dal 1968 non è riuscito a nessuno, forse l’anno buono era il 2015 dove ha fallito per un nonnulla, il 2016 sarà verosimilmente l’ultima grande occasione per lui prima dell’inizio della fase discendente e dell’imminente arrivo della “Generazione Kyrgios-Coric-Zverev”. Ricordiamoci però che in campo circola ancora gente del calibro di Federer, Nadal, Murray Wawrinka e non solo, dunque le possibilità di vincere tutti gli Slam sono davvero ridotte, molto più probabile che ne vinca 2-3. Possibilità 20%

Master 1000

Nadal conduce con 27, Novak segue a 26, Federer 24. Nel 2015 Nole ne ha conquistati sei su otto giocati, Federer 1 e Nadal nessuno. Ci sono moltissime chance di andare in testa entro il 2016 e allungare negli anni successivi. L’obiettivo plausibile potrebbe essere 35 a fine carriera. Possibilità 90%

Percentuale vittorie

Al comando di questa speciale classifica troviamo attualmente Borg (609-127) e Nadal (767-160) entrambi con 82,74% di successi sul totale di incontri disputati in carriera, segue a ruota Djokovic (686-146) con 82,45%, poi il gruppetto con Connors, Lendl, Federer e McEnroe settimo con 81,55%. Tutti gli altri, Sampras compreso, seguono staccatissimi sotto il 78%. A fine 2014 il divario tra Rafa e Nole era di quasi due punti percentuali ora il sorpasso appare imminente. Ripetere una stagione come la precedente (82-6) vorrebbe dire balzare in testa (Nadal permettendo) già entro il 2016, l’impressione è comunque che il sorpasso prima o poi sarà inesorabile. Possibilità 70%

ATP Finals

Federer conduce con 6 titoli, Nole segue a ruota e a fine anno è sempre il più in forma. Nei prossimi tre anni l’aggancio è molto probabile (exploit di Federer a parte), il sorpasso ben più complicato. Possibilità vetta solitaria 25%

Tornei Slam

Il record più prestigioso di 17 vittorie di Federer (anche se difficilmente migliorabile) è per ora al sicuro, il secondo posto di Nadal e Sampras (14) molto meno. Nei prossimi due anni Djokovic potrebbe vincerne da 3 a 5, di più o meno sarebbero entrambi valori sorprendenti. A fine carriera è probabile chiuda al secondo posto (Nadal permettendo) con 14-16 Slam. Possibilità 17 trofei 10%, 18 o più titoli 5%

N°1 a fine anno

Nel 2015 Djokovic chiude la sua quarta stagione in vetta alla classifica mondiale. Sampras (6) sarebbe raggiungibile a Dicembre 2017, operazione aggancio difficile ma possibile anche se i numeri ci dicono che nessuno ha mai concluso la stagione da n°1 superati i trent’anni. Il sorpasso sembra invece ad oggi un’impresa titanica. Possibilità aggancio in vetta 30%, sorpasso 10%

Settimane n°1 ranking ATP

L’obiettivo più a lungo termine, per ora lontanissimo ma non ancora impossibile è quello che Nole potrà raggiungere non prima del 14 Maggio 2018 alla vigilia del suo trentunesimo compleanno. Vista la stagione appena conclusa nel 2016 difficilmente cederà il trono. Ma Novak, per superare le 302 settimane in testa al ranking di Federer, dovrebbe mantenere il trono senza mai cederlo per altri due anni e mezzo, impresa francamente monumentale anche per un marziano come lui. Possibilità 5%.

Soltanto il futuro potrà rispondere alle nostre ipotesi ma la forza psico-fisica del campione di Belgrado e il semplice fatto che ci stia facendo pensare a questi incredibili numeri significa che Nole nella storia c’è già, ora si tratta semplicemente di capire se sarà in grado di spalancare le porte della leggenda.

Precedente Masters ATP: tutti contro Djokovic